Questo sito NON utilizza cookie di profilazione. Proseguendo nella navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie eventualmente di terze parti. Per maggiori informazioni vi invitiamo a leggere l'informativa estesa.

ADSI News

28-02-2020
Norme: Sentenze nn. 1227/2019-25021/2019

Sentenza n. 1227/2019 del Tribunale di Trapani relativa alla qualificazione dei redditi e dell’attività esercitata in immobile sottoposto a vincolo storico artistico in comunione e relativo commento dell`avvocato Giuseppe Persico.

Sentenza n. 25021/2019: la conclusione della Suprema Corte statuisce il seguente principio di diritto:

"Allorquando tra i beni costituenti l`asse ereditario vi siano edifici abusivi, ogni coerede ha diritto, ai sensi dell`art. 713 c.c., comma 1, di chiedere e ottenere lo scioglimento giudiziale della comunione ereditaria per l`intero complesso degli altri beni ereditari, con la sola esclusione degli edifici abusivi, anche ove non vi sia il consenso degli altri  condividenti".

Nelle motivazioni viene chiarito che presupposto della divisione parziale di eredità è il consenso di tutti i coeredi. La corte osserva che quando tutti i beni ereditari sono giuridicamente divisibili il diritto potestativo di uno dei coeredi di chiedere e ottenere la divisione parziale va necessariamente conciliato con quello degli altri ad ottenere la divisione dell’intero asse ereditario; altrimenti il primo potrebbe agevolmente paralizzare le pretese altrui per semplici ragioni di opportunità. Diversa è però il caso in cui tra i beni del patrimonio ereditario vi sia un fabbricato abusivo.

In tal caso la richiesta di uno dei coeredi di limitare la domanda di divisione ai beni diversi dal suddetto edificio non risponde ad una logica di convenienza ma si adegua unicamente al disposto del D.P.R. n. 380/2001 e della L. n. 47/1985, che vietano lo scioglimento della comunione relativa ad un immobile per cui non sia possibile indicare nell’atto gli estremi del titolo abilitativo (di fatto inesistente).

La limitazione del diritto degli altri coeredi è peraltro minima e circoscritta al predetto immobile (abusivo) ma non riguarda invece gli altri beni ereditari, per i quali questi possono chiedere, ai sensi dell’art. 713 primo comma c.c., lo scioglimento della comunione ereditaria.

Testi delle sentenze in allegato

Per info: consulenze@adsi.it 



Allegati

cassazione-sezioni-unite-civili-sentenza-25021-2019
sentenza Tonnara (1)-unito (2)